Home » comunicati, Riflessioni dei lettori

Caccia alla “Culoriva” Culevra

Written By: raffo on febbraio 2, 2008 13 Comments


Un Saluto a tutti,
sono qui a scrivervi poiche da qualche giorno sto investigando su una “bestia” che in dialetto modicano pare venga anche detta CULEBRA o CULEVRA…
Spero che i molti modicani che frequentano questo blog potranno apporre qui ciò che sanno in merito a questo animale sconosciuto e misterioso………
Dalle prime voci che ho sentito in merito pare che sia un animale dall’ aspetto goffo ed anche orribile… forse un qualcosa che somigli ad un coccodrillo…

Bene la CACCIA ALLA CULEVRA è cominciata!!!
Fatemi sapere! Ci conto!
Grazie anticipatamente!

By Nico.

Se c’è qualcuno che sa, che si è documentato, e che vuole soddisfare la curiosità di Nico e di tutti noi, non esiti a contattare info@modicaliberata.it

Anche non esitare a commentare e a dire la tua sulla Culevra….


Tags: , , , , , , , , , ,

>> Scarica ora stesso il tuo regalo Clicca qui per scaricarlo gratis <<

ModicaLiberata | Promuovi anche tu la tua pagina
Digg this!Add to del.icio.us!Stumble this!Add to Techorati!Share on Facebook!Seed Newsvine!Reddit!

13 Responses to “Caccia alla “Culoriva” Culevra”

  1. Giuseppe il giustiziere says on: 2 febbraio 2008 at 12:46

    A Nico vorrei dire che la culoriva è nei racconti un grosso serpente.Non so sinceramente come si chiami in italiani e se esista veramente.Potresti domandare a qualche esperto di scienze o simili

  2. moticanus says on: 2 febbraio 2008 at 13:29

    beh diciamo che è il mostro di lockness nostrano. Pare viva nella zona della Fiumare detta “u sautu”.

  3. Giuseppe il giustiziere says on: 3 febbraio 2008 at 16:52

    Io non so se esista questa fantomatica ed abominevole culoriva,però un mio conoscente mi ha raccontato,nel 1994,che lui ha visto credo negli anni ’90 un enorme serpente mai visto prima di così grossi.Io negli anni ’90 vidi una volta un grosso serpente nero che non faceva impressione per il diametro bensì per la sua lunghezza(circa 5 m.);lo vidi in località Zappulla-Gisana,nella stradina di fronte il campetto sportivo privato(per intenderci,la stradina a lato delle ditte ARCO e Selemare). A proposito di mostri,si racconta che esista un fantasma all’interno dell’ospedale di Ibla; qualche altro fantasma si trova nel castello di Donnafugata;si dice anche che ci siano degli spiriti all’interno della chiesa di Santa Niria. Non vi pare che stiamo facendo assomigliare la Sicilia alla Scotland!?
    Dimenticavo di dirvi che hanno avvistato un fantasma femminile sulla s.s.115 Modica-Ispica. Sarà vero,sarà falso,Sarah Ferguson?

  4. Luca says on: 3 febbraio 2008 at 18:03

    Ciao,
    Ho letto il post di Nico, allora, premesso che non sono un esperto ma solo un appassionato di Cava d’Ispica vi dico quanto scoperto..
    Il nome scientifico non lo ricordo ma in siciliano si chiama culovera (più o meno) ed è un serpente (del quale anche di recente è comparsa una foto)
    le cui dimensioni possono raggiungere oltre i 2 metri,colore giallo e nero.
    Fa parte un pò della mitologia perchè grazie alle sue dimensioni può mangiare conigli e animali di stazza simile, non credo che ne esistano ormai moltissimi esemplari ma
    se non ricordo male due cacciatori di ragusa di recente ne hano scattato una foto che è stata pubblicata sulla Sicilia..
    Fa parte della fauna di cava d’ispica e ulteriori informazioni si potevano trovare sul sito http://www.cavadispica.it che adesso è in costruzione e non ha link attivi…
    Comunque da qualche parte ho anche una bella foto…da qualche parte!!!

    Ciao,Luca

  5. giuseppe says on: 3 febbraio 2008 at 21:48

    “a culoriva” è il colubro (con l’accento sulla u) è un serpente: basta digitare su qualunque motore di ricerca e si trova tutto;

  6. davide(priolo gargallo sr) says on: 8 febbraio 2009 at 16:03

    ciao!!..sono un ragazzo della provincia di siracusa,sono un appassionato alla ricerca di più notizie di qst tipo…la ricerca per questo animale incomincio da quando ero alle superiori,circa 5 anni fa..quando cn i miei amici di sortino(sr) siamo andati nel fiume anapo e mi raccontavano di questa razza di serpenti da loro chiamate CULOFIA,ma anche chiamate:CULòRIVA,CULORVA,CULORVIA..ECC…mi dicevano dei loro nonni che raccontavano di queste serpi,che stavano nei fondali dei fiumi…forse potrà essere una leggenda ingrandita dalle persone che andavano una volta nei fiumi a lavare la biancheria e vedevano queste serpi passare sul fondo algoso e buio..cosa piuttosto normale direte,ma la cosa strana e che si parla un pò in tutte le zone della sicilia dove vi siano fiumi,laghetti ecc..come:cava grande,oppure la valle dell’anapo(pantalica),gole dell’alcantara ecc…io sò solo che per esserci una cosi grande diffusione di questi animali in zone diverse della sicilia ed appunto per queste chiamate con nomi diversi,ci sarà una spiegazione..alcuni dicono siano le biscie di fiume,in siciliano (an’cidde),(possone sembrare serpenti,anche perchè in certe zone si rieschono a trovare anche di un metro di misura nei bassi fondali),invece si dice che sia il colubro,in particolare COLUBRO LEOPARDINO,un serpente molto diffuso…
    Sull’alimentazione dicono che si ciba di mammiferi di grossa stazza come conigli(molto credibile perchè è possibile),o il latte succhiato direttamente dalle mammelle delle mucche…cmq a conclusione penso che questo animale sia stato nell’antichità un anomalia della razza,superando la normalità,e diventando leggenda,per chi vuole scrivermi fichera-g-d@hotmail.it o kiss-pack-you-see@hotmail.it ciao davide rispondetemi!!

  7. s p says on: 7 marzo 2009 at 20:25

    diversi anni fa circa 1996 in un solo giorno mi uccise 4 enormi pitbull naturalmente la prima cosa che feci fu di farli vedere come erano ridotti a diversi testimoni

  8. s p says on: 7 marzo 2009 at 20:27

    diversi anni fa circa 1996 in un solo giorno mi uccise 4 enormi pitbull naturalmente la prima cosa che feci fu di farli vedere come erano ridotti a diversi testimoni in zona pozzocassero a modica……

  9. davide says on: 26 marzo 2009 at 10:22

    l’ultimo commento sembra una burla…sicuramente lo è…perkè nn è scritto da nessuna parte su internet e poi nn compare neanche nei giornali locali…sicuro è una buffonata..che alimenta ancor di più il mito!!!!

  10. Fabio says on: 15 maggio 2009 at 20:28

    ciao ragazzi vi scrivo da santa venerina, un paesino dell’etna in provincia di catania. L’animale, oserei dire mitico, di cui parlate, da noi è chiamato “Sugghiu” e anche dalle nostre parti ha creato intorno a se un intrigante mito che si è tramandato nel tempo grazie a racconti e dicerie popolari. Proprio l’altro giorno però mi sono ritrovato a parlare con un esperto di botanica che lavora in un giardino sull’Etna per conto dell’università di Catania, e mi diceva che anche lui aveva sentito parlare di questa creatura e che sapeva di una possibile esistenza sui monti Nebrodi.Il termine esatto in italiano è CULOFIA…

  11. PIPPO says on: 23 maggio 2009 at 15:16

    SONO PIPPO ANCORA NON TROVO UN TESTIMONE CERTO DI AVERE AVVISTATO QUESTA CREATURA MA DALLE DICERIE QUALCOSA CE’

  12. Salvo da Mussomeli says on: 23 maggio 2009 at 18:05

    la culovra,culovia o biddina e’ un serpente innocuo,fa parte della famiglia delle bisce ,si negli anni si puo’ fare lunga fino a tre quattro metri ha il particolare muso rosso ed i disegni sul corpo uguale alle altre bisce,si nutre di pesci,rane,rospi e da adulta anche di conigli piccoli volpi ed altri animali che vanno a bere nelle zone paludose ove essa vive.D’inverno va in letargo sulle fessure dei muri e ci passa l’inverno fino ad aprile.Nonce da preoccuparsi sia perche’ e’ innocua e perche non attacca l’uomo tranne per difendersi se toccata, ma di solito fugge in mezzo alle canne oppure nell’acqua.Vive nelle zone interne della sicilia ed e’ molto frequente nelle zone di Caltanissetta,Agrigento ed Enna.——————————————-

  13. doctor mirabilis says on: 10 marzo 2010 at 22:17

    Il mito della culopra è discretamente antico; mi è capitato di vederlo citato in una poesia erotica di Micio Tempio, poeta catanese (1750-1821). In tale poesia, dal titolo “Lu cazzu grossu”, paragonava il membro fuori misura di un tale di nome Tirsi alla culopra, per l’appunto.
    Cito a memoria: “… ma chissa tua è culopra, è sugghiu di tilaru, è cosa di spittaculu Tirsi, nun c’è riparu!”.
    All’inizio pensavo fosse più un sauro che un serpente, visto che ho conosciuto persone che giurano di averlo visto e che riferiscono che si sia mangiato addirittura delle capre!!!.

  Copyright ©2009 ModicaLiberata, All rights reserved.| Powered by WordPress| Simple Indy theme by India Fascinates